skip to Main Content

Claudio Sadler

Trentino di nascita e milanese di adozione, di lui dicono “un grande cuoco con senso della concretezza e dell’armonia”.
Chef nel suo “Ristorante Sadler”, 1 Stella Michelin e nell’Osteria moderna “Chic’n and quick” sui Navigli a Milano.
Presidente dell’associazione “Le Soste” con più di 90 chef associati che mira alla valorizzazione della cucina italiana, gli è stata conferita l’onoreficienza dell’Ambrogino d’Oro dal comune di Milano.
La filosofia culinaria di Claudio Sadler è contraddistinta da un delicato equilibrio tra fedeltà alle tradizioni della cucina regionale italiana e reinterpretazioni illuminate dalla sensibilità artistica dello chef.

Le sue origini italiane divise tra Mantova, il Trentino con nascita in Lombardia per diventare poi milanese doc , un crogiolo di contaminazioni, che forse, si rispecchia nei suoi menù? Nella prefazione al suo “I miei nuovi menù” lei accenna a quando osservava le mani di sua madre e di sua zia nel fare i tortelli e quando osservava ciò che avveniva nel ristorante di suo zio Leonardo. Quanto tutto ciò l’ha resa Italiano e chef cioè comprensivo di caratteristiche regionali marcate in un unicum che è l’italianità?

In realtà, alla scuola alberghiera e anche negli hotel e ristoranti dove avevo lavorato all’inizio della mia gavetta, mi avevano insegnato le basi della cucina classica, di origine francese . A llora la cucina Italiana non esisteva , c’era  la cucina regionale e casalinga, quella della mamma e delle nonne. Nel tempo poi ho viaggiato molto e per 5 anni ho avuto un ristorante anche in Giappone, e un giorno mi ricordo feci un piatto che scimmiottava la cucina molecolare, di moda  al  tempo . U n cliente che mangi ò  quel piatto mi disse : << in questo piatto non ho riconosciuto il sapore e il calore della cucina Italiana >> , e da allora decisi che avrei fatto sempre di più mia la cucina Italiana anche quella povera che faceva mia mamma :  d e i tortelli mantovani ,  dei rag ù  alla bolognese ,  delle lasagne e via di seguito … ma spaziando in tutto il territorio nazionale, amo la cucina regionale italiana e il mio  compito è quello di perpetuare la tradizione   migliorandone le caratteristiche, applicando tecniche e regole che la rendano più attuale e leggera, moderna e Italiana.   

Dalle sue parole ed interviste, lei assomiglia più ad un maestro di bottega rinascimentale con la sua scuola o ad un direttore d’orchestra che raccoglie i solisti, è così la sua cucina? In fondo lei parte da uno schizzo del piatto, dove i colori devono mescolarsi e accordarsi, esattamente come un crescendo in musica, dai toni più sottili e leggeri a quelli più gravi .I suoi menù rispecchiano un pò questo?

Tendenzialmente ogni piatto ha la possibilità di diventare un classico, e ogni piatto viene studiato e programmato, disegnato con i colori che sono importanti per la cromia finale del piatto. I colori invitano a gustare i cibi e nel contempo, il rispetto delle cotture mantiene vivo il gusto attivando la percezione dei sapori al nostro palato e olfatto. Quindi armonia di sensazioni.  

Lei indica 7 regole di base del suo essere chef :come possiamo sintetizzarle?in facilità, benessere, equilibrio, leggerezza, crescendo, tradizione contaminazione, creatività, modernità e…?

Infatti, la difficoltà dell’arte culinaria è mettere insieme tutte queste sensazioni, considerando il fatto che un piatto ha una vita molto effimera, pochi minuti prima che scompaia per sempre e quindi deve lasciare il ricordo, anzi piu ricordi ai nostri sensi. Diverso è nelle altre arti come la musica che si può riprodurre per sempre e la pittura che è perenne.

Esiste nel suo percorso un prima e un dopo Marchesi?Sembra però che al di là delle influenze(nouvelle cuisine, cucina molecolare ) e dei cambiamenti (internazionalizzazione, influenze esotiche )lei sia sempre alla ricerca dell’equilibrio tra il suo Ying e il suo Yang, forse perchè è un Gemelli?A parte l’astrologia, lei si autodefinisce uno chef di pensiero e d’impresa non solo di cucina , ancora una volta la ricerca di una sintesi?

Io faccio il cuoco, in primis, amo cucinare, ma penso a quel che faccio, perch è  per la cucina è un modo di vivere il mio lavoro e il mio tempo, per me stare in cucina è un piacere, un gesto che poi normalmente dedico ai miei ospiti per dar loro piacere. La realtà è anche fatta di business e quindi devo calarmi anche nel ruolo, mal riuscito di imprenditore. 

La nascita di una ricetta è un lungo percorso, un giro d’Italia in gruppo con la volata finale del solista Sadler , quanto è importante la condivisione con la sua brigata, con i giovani ?

Un piatto vive una lunga o muore sul nascere, dipende da come viene proposto e alcuni piatti mi accompagnano da più di 30 anni, sono stati modificati e rielaborati, ripetuti dai miei allievi nei loro ristoranti ma anche da cuochi e dalle casalinghe che leggendo i miei libri li riproducono nelle loro cucine, questi sono piatti che diventano classici, cosa che io adoro. Comunque, per risponder alla domanda, io lavoro sempre in collaborazione con i miei cuochi nella preparazione di un nuovo menu, perch è  devono sentire la passione e   il trasporto per quel piatto per cucinarlo al meglio,  per me è più importante il gusto della coreografia e questo è più difficile insegnarlo.

Da ultimo il tartufo, un prodotto serio, misterioso , con caratteristiche nascoste ed effluvi che sortiscono solo a certe condizioni, il calore ad esempio.Nei suoi nuovi menu ci sono 6 piatti che utilizzano il tartufo nero  pregiato il Melanosporum .Dalla pizza del menù di Stuzzichini, ai ravioli d’anatra , dai più tradizionali tagliolini, nati per il tartufo del menù di San Martino, al cappone, al bollito e ai gnocchi.Sembra che il tartufo sia un ingrediente che la soddisfa, anche i prodotti a base di tartufo  possono avere un” posto al sole” per lei?

Il tartufo nero pregiato  è il mio preferito segue quello bianco e poi  quello estivo quando maturo, io li utilizzo tutti.
Il tartufo è un punto di forza che esalta il gusto delle pietanze, un colonna portante, da cui non posso fare a meno per architettare i miei piatti.  

 

 

STORIE IN BARATTOLO

Spaghetti alla carbonara di tartufo bianco
Ieri, ho fatto per la prima volta la torta di mele. Ho aperto un vecchio libro delle ricette ed ho seguito accuratamente le fasi e le indicazioni segnalate, avendo cura di non sbagliare dosi e cottura. Solo una volta infornata,…
Tagliolini del Catria

Semplicità e gusto riassumono perfettamente i tagliolini del Catria. Ecco la ricetta.

Battuta di filetto di manzo all'erba cipollina su crema di formaggi e tartufo bianco
“Settembre: era la più bella delle parole, l’aveva sempre sentita dentro, perché evocava aranci in fiore, rondini e rimpianto”, scrive il romanziere americano Alexander Theroux nel suo libro Darconville’s Cat.
È un mese duplice, settembre.
A cavallo tra l’estate e l’autunno, ricorda la vacanza e…
Cannelloni di ricotta e tartufata
“La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita”. Così recitava Forrest Gump nell’omonimo film, tanto famoso quanto profondamente complesso. I cioccolatini non sono altro che la metafora gastronomica della vita, in cui i…
Back To Top