skip to Main Content
IPSSAR IST ALB PiobbicoSformatino Di Spinaci Con Cuore Caldo

IPSSAR IST ALB Piobbico
Sformatino di spinaci con cuore caldo

Progetto di Brajan Drazhi, Alessandro Cignali, 
Gerald Rushiti, Giovanni Leoni, Daniel Demolli

Procedimento vellutata di porri e patate
Tagliate le patate a pezzi dopo averle pelate. Trasferitele in una casseruola con il porro tritato e una noce di burro. Ponete sul fuoco e fate appassire il porro e insaporire le patate. Regolate di sale e pepe. Versate l’acqua e il latte scaldati; cuocere per una ventina di minuti. Frullate a cottura ultimata, fino ad avere una crema liscia.
Aggiungete una noce di burro e un paio di cucchiai di parmigiano e mescolate. Fate riposare giusto un minuto.

Procedimento sformatino di spinaci
Per realizzare lo sformato di spinaci, iniziate dalla base: lavate gli spinaci e asciugateli con un panno. In una pentola dal bordo alto ponete un filo di olio, versate gli spinaci coprite con il coperchio e fateli cuocere per 4-5 minuti fino ad ammorbidirli.
Salate e pepate a piacere. Poneteli in un setaccio a maglie strette, strizzate gli spinaci con il dorso di un cucchiaio e fate colare il liquido in eccesso in una ciotolina.
Ora versate gli spinaci in un frullatore, unite le uova intere e il formaggio grattugiato, il sale, aromatizzate con una spolverata di noce moscata e per ultimo la panna; azionate il frullatore per amalgamare gli ingredienti fino a ridurli ad un composto cremoso, Imburrate gli stampini di acciaio della capacità di 125 ml.
Versate il composto di spinaci con un mestolo riempiendo fino a metà, aggiungere la casciotta e coprire fino all’orlo.
Ora procedete con la cottura: ponete gli stampini in una teglia da forno a bordi alti, versate l’acqua calda nella teglia fino a ¾ dell’altezza dello stampo. A questo punto cuocete in forno statico preriscaldato a 180° per 25-30 minuti oppure in forno ventilato a 160° per 15-20 minuti. Verificate la cottura dello sformatino infilzando con uno stecchino ,se risulta asciutto significa che lo sformatino è pronto. A cottura ultimata, sfornate e lasciateli intiepidire.

Procedimento cialda corallo
Pesate gli ingredienti in una caraffa non troppo grande e frullateli 1 minuto con il mixer ad immersione. Colorate a piacimento(nel nostro caso rosso) e versare 30 g alla volta in una padella antiaderente ben calda, almeno a 190°C. Lasciare cuocere, abbassando leggermente la potenza del fuoco fino a completa evaporazione dell’acqua.
Togliere dalla padella e riponeteli su carta assorbente.

Ingredienti crema di patate:
• Acqua 160 ml
• Patate 300g
• Porro 45 gr
• Sale q.b.
• Pepe q.b.
• Zafferano 1 bustina
• Parmigiano Reggiano q.b.

Ingredienti sformatino:
• Spinaci 250 gr
• Parmigiano 55 gr
• Uova 2
• Tartufata T&C 50gr
• Sale q.b.
• Pepe q.b.
• Olio extravergine d’oliva EVO
• Noce moscata q.b.
• Casciotta 50gr
• Panna 20 ml

Ingredienti pasta di corallo:
• Acqua 210ml
• Olio di girasole 60ml
• Farina debole 27gr
• Colorante alimentare q.b.

Decorazione:
• Tartufo a scaglie
• Cialda corallo

Prodotto

Salsa Tartufata

STORIE IN BARATTOLO

Risotto al tartufo con quaglie e zafferano

Una ricetta raffinata per stupire tutti i tuoi ospiti. Ecco il risotto al tartufo con quaglie e zafferano.

Tagliatelle al tartufo bianco, fatte a mano sono ancora più buone!

Tagliatelle al tartufo bianco, cosa c'è di più buono? Assolutamente nulla! Scopri la nostra ricetta.

Fettuccine alla boscaiola e scaglie di tartufo estivo
Questa mattina sono andata a fare la spesa ed è stato amore a prima vista. Si, è vero, non è stagione di funghi eppure, a volte, qualche strappo alla regola, qualche voglia va anche esaudita. 
Dopo le lunghe settimane di…
Maccheroncini di Campofilone con tartufo bianco: il Natale è un buon momento per sperimentare!

Uno dei formati di pasta marchigiani incontra finalmente il tartufo. Scopri la nostra raffinata ricetta per i maccheroncini di Campofilone!

Back To Top