Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies.

Tipi di tartufo: qual è il più pregiato?

Lo sapevi che in realtà esistono più di 100 tipi di tartufo ma solo pochissimi di questi sono commestibili? Oltre a quelli più conosciuti (bianco, nero ed estivo) ne esistono altre varietà, ognuna con un suo sapore e un aroma caratteristico. Ti va di vedere insieme quali sono quelle più usate nelle nostre cucine?

Tartufo Bianco: il vero re dei tartufi

Tra tutti i tipi di tartufo, il bianco è il più pregiato di tutti. È il vero re dei funghi ipogei, quello più profumato ma purtroppo velocemente deperibile perché estremamente delicato.

Il suo periodo di raccolta varia a seconda della regione, ma generalmente si raccoglie da ottobre fino a fine dicembre. Se raccolto all'inizio del suo periodo, viene chiamato in gergo tecnico "fiorone", ed è più delicato di quelli raccolti in seguito.

Ha un peridio liscio dal colore giallo ocra ma le sue caratteristiche, come quelle della sua gleba, dipendono molto dal tipo di terreno, dal clima ecc.

Ma il tartufo bianco è anche il più difficile da trovare: è estremamente raro e ha un sapore e un aroma veramente eccezionali e incomparabili. Quelli più pregiati vengono raccolti nella Marche, in Umbria e in Piemonte, dove le caratteristiche del terreno ci donano un tartufo di assoluta qualità.

Tartufo Nero: tante varietà, tanti aromi diversi

Iniziamo con il tartufo nero per eccellenza. Se infatti il tartufo bianco è il re dei tartufi, il nero pregiato (raccolto da dicembre a gennaio) è il principe. In generale possiamo dire che tutti i tipi di tartufo nero presentano un peridio dalla superficie rugosa ma l'aroma dipende molto dalla tipologia.

Il nero pregiato si avvicina molto a quello bianco ma ne troviamo anche altre varietà: esistono infatti anche i neri invernali, quelli estivi (meno profumati del bianco o del nero pregiato ma pur sempre speciale, viene raccolto da maggio ad agosto) e quelli uncinati (tipici tartufi autunnali).

Tartufo Bianchetto: dolce e pungente

Viene chiamato anche Marzuolo per via del suo periodo di raccolta, che va da dagli ultimi mesi invernali sino a primavera. Il tartufo bianchetto è molto diverso da tutti gli altri tipi di tartufo, ma soprattutto del bianco: ha un coloro più scuro, un sapore gradevole ma un aroma che da fresco è particolarmente pungente. Per questo il tartufo bianchetto è più apprezzato per la creazione di prodotti a base di tartufo!

Ricapitolando: il tartufo bianco è senz'ombra di dubbio il più pregiato di tutti ma ognuno ha caratteristiche uniche e aromi differenti che rendono ogni tua creazione favolosamente speciale!

Ti è stata utile questa piccola guida sui tipi di tartufo? Continua a seguirci per scoprire sempre di più il mondo di questo incredibile fungo ipogeo!

Leave a Comment

Your email address will not be published.