Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies.

Come conservare il tartufo: piccoli e utili consigli

Il tartufo è sicuramente uno degli ingredienti più pregiati da utilizzare in cucina. Ecco allora qualche piccolo consiglio su come conservare le diverse tipologie di tartufo, così da preservarne il raffinato aroma e l'intenso profumo nel migliore dei modi.

Come conservare il tartufo bianco 

Il tartufo bianco è il re dei tartufi. È il più pregiato e delicato, quindi velocemente deperibile. Per prima cosa vediamo i diversi metodi di conservazione:

  • in frigorifero: il tartufo va prima pulito con cura, poi avvolto in carta assorbente da cucina (tipo Scottex) e messo dentro un vasetto di vetro con tappo ermetico che andrà poi riposto in frigorifero a 4-5°. Ma perché usare la carta? Perché il tartufo contiene al suo interno un'alta percentuale di acqua che verrà quindi assorbita, evitando la nascita di muffe. Per questo è molto importante che la carta venga cambiata almeno ogni 2 giorni, se non ogni giorno.

  • immerso nel burro: se avete a disposizione una grande quantità di tartufo e non sapete se riuscirete a consumarlo tutto, questa è la soluzione ideale. Per prima cosa il tartufo bianco va pulito minuziosamente, poi asciugato e tagliato in sottili fettine con l'apposito strumento. Queste fettine andranno poi immerse nel burro fuso a temperatura ambiente e riposto in freezer ad almeno -18°. In questo modo il vostro tartufo si conserverà per diversi mesi: perderà leggermente l'aroma ma è l'ideale per avere il tartufo sempre a disposizione.

Ricapitolando, per quanto tempo si conserva il tartufo? Dipende dal periodo di raccolta. Se il tartufo bianco è raccolto all'inizio della sua stagione, a ottobre, viene detto "fiorone" ed è molto deperibile: in frigorifero si conserva dai 7 ai 10 giorni. Se invece è raccolto verso il periodo invernale, da novembre in poi, si conserva leggermente di più, intorno ai 15 giorni.

Come conservare il tartufo nero estivo

Il tartufo nero estivo è meno delicato e profumato del bianco ma è comunque speciale. Si conserva più a lungo, circa sui 15/20 giorni, con gli stessi metodi del bianco. Si raccoglie da maggio ad agosto.

Come conservare il tartufo nero pregiato

Questa particolare tipologia di tartufo si raccoglie da dicembre a gennaio, quindi in pieno inverno. Ciò consente al tartufo nero pregiato di mantenersi più a lungo, circa 15/20 giorni, sempre con gli stessi metodi: o con carta assorbente o con burro.

Come conservare il tartufo bianchetto

Si possono utilizzare gli stessi metodi delle altre tipologie di tartufo. Tuttavia il tartufo bianchetto raramente viene consumato fresco, è infatti più apprezzato per la creazione di prodotti al tartufo.

Leave a Comment

Your email address will not be published.